Posts Tagged 'cani'

È tutto nella mente? Cosa ne pensi?

 

mind-767584_960_720.jpg

Ieri notte ho sognato il mio primo cane, Bubu, scomparso il 23 ottobre di 5 anni fa.

Posso definirlo un sogno ricorrente, ma non troppo. Mi capita forse ogni tre mesi.

In pratica lui è vivo, sano, bellissimo e sembra non avere un’età. Tutto appare dannatamente reale ed è come se in questo sogno io mi risvegliassi da un incubo. Come se la sua morte fosse stata soltanto un’illusione, un male passeggero. Come se il tempo non esistesse e fosse parte dell’illusione.

Ci facciamo le coccole per tutta la durata del sogno, poi all’improvviso, puff…tempo scaduto. Come se nulla fosse successo.

Oppure, guardando il bicchiere mezzo pieno: è come se io e lui avessimo trovato una dimensione alternativa ed onirica in cui incontrarci, dato che il mondo reale non ce lo permette.

Non so che cosa pensare. Non so nemmeno perché voglia condividere questo pensiero online. È che dopo un sogno del genere ti restano in testa delle domande che molti nella storia della filosofia si sono già posti e che non troveranno mai un’unica risposta. Soltanto delle interpretazioni.

Faccio fatica a capire se un sogno del genere sia solo frutto di una suggestione. Che è anche una visione maledettamente terrestre, egoistica e poco fantasiosa.

Vorrei capire che cos’è il tempo, qual è la sua vera dimensione.

Vorrei capire qual è il confine tra la mente e tutto il resto.

A te è mai capitato? Cosa ne pensi?

Annunci

Guenda

Storia di Natale – Terza puntata

Terza Puntata!

Storia di Natale nasce da una collaborazione con il mio amico disegnatore cormonese Gionata Brandolin (autore del libro Selfieblog: https://gionatabrandolin.wordpress.com/), ispirati da un gatto molto simpatico che si aggira tra le pietre di un rudere vicino casa nostra abbiamo deciso di scrivere e disegnare questa storia.

Testi: Cristiano Camaur

Disegni e colori: Gionata Brandolin

Vi aspettiamo lunedì 5 dicembre per la quarta puntata

pag7-001-17x24

Storia di Natale – Seconda puntata

Storia di Natale nasce da una collaborazione con il mio amico disegnatore Gionata Brandolin (autore di Selfie, blog: https://gionatabrandolin.wordpress.com/), ispirati da un gatto molto simpatico che si aggira tra le pietre di un rudere vicino casa nostra abbiamo deciso di scrivere e disegnare questa storia.

Testi: Cristiano Camaur

Disegni e colori: Gionata Brandolin

Vi aspettiamo venerdì 2 dicembre per la terza puntata!

Il nostro guinzaglio

17024_714835155315252_1880482544997681152_n

Ricordandovi che…

 

Il mio libro, IL VERSO DEL CANE, è un libro su tutti i “cani” che siamo noi, nelle nostre relazioni, di coppia, di amicizia, o di semplice conoscenza, sempre noi con i nostri segreti e le nostre urla. In questo libro non ci sono solo io, ci siete anche voi, ci siamo tutti.

 

Lo potete acquistare su Amazon, risparmiando un po’ di più!

Comprandolo, mi date una mano economicamente, contribuirete a diffondere il mio libro, la mia arte, la mia passione. Aiutate la poesia contemporanea ad avere ancora una voce in questo mondo sempre meno tangibile e a portata di clic.

 

Vi ringrazio anticipatamente,

Cristiano

 

“Il Verso del Cane” – Vi presento il mio libro (già disponibile!)

copertinaIlVersoDelCane

Ci siamo! Finalmente sono riuscito ad “auto-pubblicarmi” il mio primo libro! Come vi accennavo qualche post fa, si tratta di una raccolta di poesie, di cui ho curato ogni aspetto (versi, impaginazione, creazione della copertina). È un’opera molto importante per me, oltre ad essere la prima, proprio perché è nata in camera mia e perché a modo suo racconta la prima parte di un percorso, di un’evoluzione spirituale personale, iniziata molti anni fa, anche inconsapevolmente. È la testimonianza di una serie di cambiamenti personali avvenuti nel corso di questi ultimi tredici anni (circa) di vita: dalla mia crisi post-adolescenziale fino ad oggi. Cambiamenti che infondo non riguardano soltanto me ma ognuno di noi a modo suo, ognuno per la sua strada ma accomunati dal rapporto con ciò che ci circonda e con le tematiche dell’esistenza, che sono uguali per tutti nel bene e nel male: amore, contatto/distanza, contesto sociale in cui viviamo.

Il libro è stato stampato e pubblicato dalla Youcanprint, una casa editrice a tutti gli effetti, che lavora in rete e che fornisce a qualsiasi scrittore o aspirante tale, i servizi necessari per la creazione di un libro, senza vincoli contrattuali.

TITOLO E CONTENUTO DEL LIBRO:

“Il verso del cane” è la nostra voce interiore. Siamo noi, che nel frastuono delle opinioni altrui, nei faccia a faccia con le nostre scelte interiori quotidiane permettiamo che la voce del cuore venga soffocata dalla paura, mentre cerca invano di esprimere la semplice verità. Nessun altro meglio del cane esprime e rappresenta la solitudine dell’individuo, complice e ostaggio dei suoi (apparentemente) simili. Dedicato al mio primo cane, grande poeta e grande amico, Bubu.

Una raccolta di trasformazioni, di riflessioni personali su quelle piccole distanze fisiche e cerebrali tra noi, sotto forma di poesie.

Questi sono i versi attraverso cui racconto anche il cane che sono io: le distanze tra me e i miei simili, i miei punti di vista nei confronti dei ritmi di vita frenetici di una società che ci vuole abituare a seguire a qualsiasi costo, e il tempo libero, divenuto la merce più rara in circolazione.

Tutti segnali di un mondo che a mio avviso sta andando nella direzione sbagliata, ma fatto di persone che se individualmente si impegnassero a cercare un po’ di consapevolezza e di buon senso, potrebbero invertire la rotta dall’oggi al domani.

Il libro contiene anche riferimenti al luogo in cui sono nato e cresciuto, Cormòns (GO), una località ricca di luoghi suggestivi e anche nascosti spesso, che sfuggono alla cecità dei distratti.

 

COME RICEVERLO:

Il Verso del Cane oggi ha una nuova copertina ed è già disponibile su Amazon. Clicca qui per saperne di più.


Segui assieme ad altri 7.204 follower

Instagram

► Archivio

► Questa è la copertina del mio libro (CLICCACI SOPRA per saperne di più):

Clicca sulla copertina!

“Il verso del cane” è la nostra voce interiore. Siamo noi, che nel frastuono delle opinioni altrui, nei faccia a faccia con le nostre scelte interiori quotidiane permettiamo che la voce del cuore venga soffocata dalla paura mentre cerca invano di rivelare la semplice verità. Nessun altro meglio del cane rappresenta la solitudine dell’individuo, complice e ostaggio dei suoi (apparentemente) simili. Dedicato al mio primo cane, grande poeta e grande amico, Bubu.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: